[logo ArtXworld.com]ArtXworld.com - Il Mondo X e l'arte: portale d'arte moderna e contemporanea, pittura tradizionale, e digitale
ArtXworld.com - The X World and the art/international website Portal of modern art and contemporary culture

about :

Wednesday, March 12, 2008

CHRISTIAN ROHLFS. Un espressionista ad Ascona

from : UesseArte
Christian Rohlfs

(Christian Rohlfs, Sonnenblumen / Girasoli, um / circa 1922/23, Wassertempera auf Papier / tempera ad acqua su carta, 55 x 57 cm)Zoom

210.000 Hotels in the world, international website!

6 aprile - 31 maggio 2008

Dal prossimo 6 aprile il Museo Epper di Ascona e la Galleria Matasci Arte di Tenero, in collaborazione con Beck & Eggeling International Fine Art di Düsseldorf, presentano una rassegna di 38 opere - dipinti, tempe-re ed acquerelli - dell’espressionista tedesco Christian Rohlfs (Niendorf 1849 – Hagen 1938). La mostra cade a settant’anni dalla morte dell’artista e ad oltre 25 anni dall’ultima retrospettiva a lui dedicata in Svizzera (alla Galleria Matasci con opere provenienti dal Folkwang-Museum di Essen).

Tutte le opere provengono da una collezione privata di Hagen, città che costituì un importante punto di rife-rimento per Christian Rohlfs, perché vi risiedeva Karl Ernst Osthaus, il fondatore del Folkwang-Museum, a cui il pittore era molto legato.

Ad Ascona Rohlfs giunse per la prima volta nel 1927, quando aveva ormai 78 anni. Il luogo gli piacque e i sog-giorni si fecero via via più lunghi. Nel 1929 prese in affitto un appartamento nella Casa Margot, in riva al lago, e vi trascorse, da allora, vari mesi all’anno, soprattutto quelli estivi, mentre per i rimanenti mesi tornava a vivere ad Hagen. Dalie rosse, 1930 - tempera su carta, 51 x 71 cm

Le opere presentate nella rassegna, che si articola nei due spazi del Museo Epper e di Matasci Arte, sono state realizzate tra il 1913 e il 1938, anno della sua morte, e si concentrano in particolare sulla produzione tarda dell’artista. I soggetti pittorici che Rohlfs predilesse negli ultimi anni di attività furono soprattutto i paesaggi svizzeri, con i rilievi montuosi che sovrastano il Lago Maggiore, chiese e baite ticinesi, accanto alla ric-ca varietà di motivi floreali che l’artista frequentò assiduamente durante tutta la sua carriera.

Christian Rohlfs è considerato uno degli Espressionisti tedeschi più affascinati nelle sperimentazioni tecniche e tra i più poliedrici; la sua ricerca si concluse solo con la sua morte. Di particolare efficacia è senza dubbio la sua tecnica pittorica con tempera ad acqua, grazie alla quale i suoi motivi perdevano consistenza materica e si orientavano verso una pittura sensuale, ricca di e-vocazioni quasi oniriche.

In occasione della mostra viene pubblicato un catalogo dalla casa editrice Beck & Eggeling Kunstverlag, intro-dotto da un inquadramento storico della sua presenza ad Ascona, firmato da Luigi Cavadini e Reto a Marca, e da un saggio sulla sua poetica curato da Mario-Andreas von Lüttichau, Sammlungs-Director del Fol-kwang- Museum di Essen.

Chiaro di luna, acquerello su carta, 1932, 65,4 x 45,7 cm Nota biografica Christian Rohlfs nasce nel 1849 nell'Holstein, a Niendorf, vive poi a Weimar dove frequenta l’Accademia granducale e qui, sul finire dell’Ottocento scopre la pittura impressionista, cui impronta una bella serie di lavori.

Particolarmente significativo è nella sua storia il trasferimento ad Hagen (dove risiederà fino alla morte) perché vi incontra Emil Nolde, che lo avvicina all’espressionismo. Partecipa con Nolde alla Secessione di Berlino del 1910 e per lunghi periodi soggiorna a Monaco di Baviera. Ad Ascona giunge per la prima volta nel 1927 e stringe rapporti con gli artisti residenti in città e in particolare con quelli aderenti all’associazione artistica denominata Der Grosse Bär (L’Orsa Maggiore) che espone regolarmente nella cittadina e che si presenta anche in altre parti della Svizzera. Con loro parteciperà nel 1928 all’unica uscita del gruppo all’estero, nella mostra che si tiene alla Galerie Neumann-Nierendorf di Berlino sotto il titolo Die Maler von Ascona.. Schedato fra gli “artisti degenerati”, viene espulso dalla Preussiche Akademie der Künste e 412 suoi lavori presenti nei musei tedeschi vengono sequestrati. Muore nel 1938 nel suo atelier di Hagen.

Museo Epper
Ascona (Svizzera), Via Albarelle 14
Tel. 091 791 19 42 Fax 091 791 82 50 museo.epper@bluemail.ch
martedì - venerdì 10.00 - 12.00 / 15.00 - 18.00 sabato e domenica 15.00 - 18.00 chiuso il lunedì inaugurazione: domenica 6 aprile, ore 11.00

Galleria Matasci
Tenero (Svizzera), Via Verbano 6 Tel. 091 735 60 11 Fax 091 735 60 19
arte@matasci.com - www.matasci.com
lunedì-venerdì 8.00-12.00 / 13.30-18.30 sabato 8.00-17.00 chiuso domenica e festivi
inaugurazione: sabato 5 aprile, ore 18.00

Ufficio stampa:uessearte via Natta 22 Como tel. +39.031.269393 - fax +39.031.267265 e-mail: info@uessearte.it www.uessearte.it

Suggested distances

Documents connected:

Other documents

All about the subject :
»

From the same author :
UesseArte »

Map

View the map to localize the events :

Mappa

Document inside :

Espressioni

Last news in the same Section:
Lista Espressioni »

tecnica mista

Last news with the same Technique :
Lista tecnica mista »

contemporaneo

Last news with the same Style :
Lista contemporaneo »

Comunicati stampa

Last news in the same Classification :
Lista Comunicati stampa

TAG documents words related :